Progetti internazionali: quale team di formatori scegliere?

 Progetti internazionali: quale team di formatori scegliere?

Articolo di Jonathan Mohadeb Ricordo di una conversazione di molti anni fa con un amico, allenatore di calcio amatoriale. Stava preparando la formazione iniziale per la stagione successiva e ha condiviso con me alcune linee guida. Io poi ho applicato gli stessi principi molti anni dopo nel contesto lavorativo e ritengo che oggi siano utili anche

Cegos

T-group: la semplicità dell’apprendere dall’esperienza

 T-group: la semplicità dell’apprendere dall’esperienza

La formazione è da sempre considerata come un acceleratore di apprendimento e da molti anni è anche una leva strategica per le aziende, soprattutto in situazioni di cambiamento e di innovazione. Spesso però la realtà formativa italiana confonde la formazione con il trasferimento di contenuti e/o di informazioni aziendali. Oppure la si declina in chiave

Alessandro Reati

I diversi tipi di survey di feedback

 I diversi tipi di survey di feedback

Il termine feedback è sempre più presente nelle nostre aziende. Il concetto di base è chiaro: il feedback è un’informazione strutturata che una persona offre ad un’altra. È incentrata sull’impatto delle azioni dell’interlocutore ed evidenzia esempi specifici. Anche la sua utilità è solitamente chiara. I vantaggi principali del dare e ricevere feedback sono: Comprendere gli

Alessandro Reati

Promuovere la cultura del continuos feedback

 Promuovere la cultura del continuos feedback

Parlare di continuos feedback è ormai la nuova moda, ma non è certo un approccio recente. L’impatto della pandemia sulla dinamica sociale delle organizzazioni – con la conseguente imposizione del distanziamento fisico – ha accentuato la sua applicazione. Anche la una crescita della digitalizzazione – con l’aumento della piena dignità di modelli lavorativi basati sull’hybrid

Alessandro Reati

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti