La valutazione dei risultati formativi

Di | 4 febbraio 2020

Le certificazioni sono sempre più richieste: che siano accreditate da enti specifici o equivalgano ad auto-dichiarazioni, acquisiscono sempre maggiore importanza. La domanda è sia individuale, derivante dalla necessità della persona di sviluppare competenze utili per il proprio lavoro – e di essere anche in grado di dimostrarle – sia da parte delle aziende, magari alla ricerca di finanziamenti per progetti di formazione.  

In questo articolo di Mathilde Bourdat ci domandiamo: cosa viene veramente valutato prima di rilasciare – o no – una eventuale certificazione?

valutazione formazione

Livelli di valutazione dell’apprendimento

Un primo livello, abbastanza semplice, consiste nel valutare la formazione attraverso quiz. Tipicamente a scelta multipla, questo strumento attesta rapidamente il livello di comprensione o memorizzazione di quanto appreso. A questo livello di dettaglio, ciò che si va ad analizzare è il “cosa si sa”.

Un secondo livello consiste nella valutazione del “sapere come si fa”. Il test a risposta multipla rimane utilizzabile anche in questo caso, ma è più complesso da sviluppare. Richiede infatti la creazione di domande contestualizzate, ad esempio: “In questa situazione … scegli l’opzione A, B o C”. 

Il rischio, tuttavia, è che un test così sviluppato porti a risposte abbastanza formali, che non corrispondono realmente a ciò che verrà poi applicato “sul campo”.

Un terzo livello consiste nella valutazione del “mostrare come”: In questo caso viene organizzata una simulazione e gli esaminatori decidono il livello di padronanza delle capacità previste dalla certificazione. Questa soluzione è interessante, anche se talvolta onerosa e articolata da implementare. 

Un quarto livello consiste nel valutare le competenze di una persona applicate ad una situazione reale. Implica cioè chiedere al partecipante di mettere insieme un documento riassuntivo dei “risultati di apprendimento” (o “learning outcomes”), basandosi sull’applicazione concreta di quanto imparato. Questo metodo di valutazione presenta numerosi vantaggi.

I vantaggi della valutazione on-the-job

  • Questa modalità di valutazione richiede l’impegno del partecipante a ragionare concretamente sui risultati dell’apprendimento: deve proiettarsi nell’applicazione reale delle competenze, rimuovere eventuali ostacoli, applicare il tutto al proprio ambiente di lavoro, ecc.
  • Permette di raccogliere evidenze sulle attività svolte in relazione ad una competenza mirata, oggetto del programma formativo erogato. Inoltre, questa modalità di valutazione consente di contestualizzare le azioni e i comportamenti attuati.
  • Soprattutto, spinge il partecipante alla riflessione. Permette di fare un passo indietro e meditare su quanto appreso in modo approfondito, concreto, confrontando la teoria con l’effettiva pratica, sforzandosi di descrivere il tutto a parole. In un certo senso, questo metodo di valutazione permette di prolungare l’atto stesso dell’apprendimento.

Ulteriori benefici pratici

  • Può essere gestito interamente online. I partecipanti ai progetti formativi possono infatti pubblicare i loro resoconti su uno spazio LMS, o caricarli in una cartella in cloud.
  • La valutazione può essere effettuata tra colleghi. Questa è la soluzione scelta per la maggior parte dei MOOC.
  • Se si decide di mantenere il ruolo degli esaminatori, possono a loro volta operare in remoto e in modalità asincrona, risolvendo molti problemi di costi e logistica.

L’importanza di chiarire il sistema di riferimento

Quali competenze si vogliono valutare? Quale genere di “prove” attestano la padronanza di queste nuove skill? Quali indicatori stabiliscono se le prove fornite sono valide o meno? Questo ci porta a dover chiarire il sistema di riferimento per la valutazione, in modo che sia comprensibile per tutti. 

È infatti importante comunicare ai partecipanti i criteri e gli indicatori su cui verranno valutati. Le prove richieste devono anche essere realistiche e tenere conto dei molteplici contesti in cui i partecipanti si possono trovare.


Contattaci per avere un supporto e sviluppare un progetto formativo ad hoc nella tua azienda.

Altri focus sullo stesso tema

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti