Alessandro Reati

Alessandro Reati

Psicologo del lavoro e consulente direzionale certificato CMC-ICMCI, da oltre 25 anni si occupa di consulenza, formazione e coaching, guidando programmi di cambiamento e sviluppo organizzativo presso aziende nazionali e multinazionali, associazioni e istituzioni.

Il focus dei suoi interventi è sulla valorizzazione delle risorse umane e della community professionale. Privilegia metodi di intervento partecipativi e basati sul coinvolgimento attivo.

A lungo professore a contratto presso diverse università, è autore di numerosi articoli pubblicati su riviste scientifico-professionali e blog divulgativi e coautore di una decina di volumi.

Quali organizzazioni per i talenti del futuro?

 Quali organizzazioni per i talenti del futuro?

Ciò che oggi identifichiamo come i possibili talenti del futuro (ossia le persone portatrici di caratteristiche che potranno generare utilità aziendale nel medio lungo periodo) difficilmente si troveranno ad operare in aziende organizzate secondo i modelli attualmente vigenti. Le organizzazioni cambiano costantemente. La Funzione HR deve essere in grado di influenzare questo fenomeno di spontaneo adattamento

Alessandro Reati

Talent Management and future of work

 Talent Management and future of work

In questi ultimi anni le parole chiave disruption e transformation sembrano caratterizzare qualsiasi discussione sul business e il mondo del lavoro. Siamo realistici: tutto è sempre in costante cambiamento e l’innovazione non è certo una scoperta del terzo millennio. Ciò che davvero è nuovo è la velocità e la pervasività del cambiamento. La funzione HR

Alessandro Reati

Gestione del talento: evitiamo i preconcetti

 Gestione del talento: evitiamo i preconcetti

Nell’ambiente di chi si occupa di risorse umane e sviluppo organizzativo, e ancor più nelle alte direzioni, circolano alcune idee improprie o decisamente pericolose circa la gestione del talento. Di seguito ecco quanto SHRM – la società americana per la gestione delle risorse umane – ha identificato essere tra le idee più diffuse. Te le

Alessandro Reati

Una visione critica sul Talent Management

 Una visione critica sul Talent Management

Fare Talent Management potrebbe essere sinteticamente rappresentato come “getting the right people in the right jobs doing the right things”. Questa apparentemente semplice asserzione in realtà richiede che la funzione HR sia in grado di immaginare con sufficiente chiarezza a quali responsabilità nei prossimi anni i lavoratori potranno essere esposti. Inoltre deve predisporre dei programmi

Alessandro Reati

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti