Monitoraggio e valutazione: i servizi necessari alla formazione

Di | 9 aprile 2019

Per una corretta realizzazione della formazione, risulta di fondamentale importanza costruire un sistema di monitoraggio e valutazioneche garantisca un clima favorevole all’apprendimento e una coerenza dei docenti nel loro esercizio della didattica. Ciò permette un adeguato governo dell’attività e uno sviluppo dei percorsi che consente di perseguire gli obiettivi dichiarati. 

Tutte le azioni formative devono prevedere l’acquisizione di conoscenze e di abilità funzionali alle competenze da esercitare durante l’attività lavorativa.

Monitoraggio formazione

Indicatori di performance

Per costruire un impianto efficace, occorre innanzitutto individuare gli indicatori di performance, ovvero i punti chiave per monitorare e valutare le conoscenze e le competenze.

Gradimento

Misurazione della soddisfazione che il programma formativo ha generato nei partecipanti. Capire se il corso è stato efficace in termini didattici, organizzativi e sociali.

Apprendimento

Misurazione delle conoscenze e capacità apprese. Permette di ottenere informazioni sull’efficacia delle metodologie utilizzate per favorire l’apprendimento.

Trasferimento sul lavoro

Si valutano i cambiamenti nel comportamento lavorativo, misurando l’utilizzo di conoscenze, capacità e atteggiamenti appresi durante la formazione.

Risultati di business

Misurare l’impatto sull’organizzazione in termini di riduzione dei costi, miglioramento dell’efficienza, incremento della produzione, riduzione dei tassi di turnover, miglioramento del clima aziendale.

Strutturazione del processo

Definiti gli indicatori da misurare, il passaggio successivo sta nella creazione di un impianto solido ed efficace per andare a sondare i valori individuati. Un buon processo di monitoraggio e valutazione della formazione deve necessariamente prevedere:

Valutazione ex ante

Svolta in fase di analisi dei fabbisogni con l’individuazione dei gap di competenza e l’individuazione dei risultati di cambiamento che l’azienda intende raggiungere.

Monitoraggio in itinere

teso a rilevare:

  • livello di soddisfazione del discente, misurato attraverso un questionario che rileva la qualità della docenza;
  • aumento delle competenze del discente, misurato per ciascun modulo formativo attraverso questionari di uscita, messi a confronto con i test di ingresso per valutare il gap formativo;
  • andamento dell’azione formativa rilevato attraverso questionari redatti dai docenti;

Valutazione finale

al termine di ogni percorso vengono raccolti i giudizi complessivi, il grado di soddisfazione sugli aspetti logistici, organizzativi e didattici. L’insieme di queste attività, congiunta all’analisi di eventuali elementi critici, permetterà di applicare azioni di miglioramento, anche in corso d’opera, per rispondere in maniera più efficace alle esigenze dei clienti.

Fare formazione senza monitorare il raggiungimento degli obiettivi preposti e l’efficacia in termini di trasferimento sul lavoro equivale a NON farla.

La formazione continua è tale perché segue il ciclo delle competenze e del loro aggiornamento durante tutta la vita lavorativa delle persone. Un buon sistema di monitoraggio e valutazione permette di analizzare i risultati raggiunti in termini di conoscenza ed abilità evidenziando anche nuove aree di miglioramento del discente, che diventano, perché rilevate e condivise, nuove conoscenze da implementare.


MTS Managed training services

Desideri approfondire la tematica e scoprire come ottimizzare i progetti formativi all’interno della tua azienda?

Consulta i servizi dedicati alla gestione della formazione Cegos.

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti