I diversi livelli e approcci del colloquio formativo

Di | 20 febbraio 2019

Nell’ambito delle relazioni formative, negli ultimi anni si è diffusa la tendenza a progettare i colloqui in maniera olistica, ossia considerando che l’intero in sé (la singola persona, come anche un gruppo di lavoro o una organizzazione) è maggiore della somma delle singole parti che lo compongono.

Spesso alcuni programmi formativi evidenziano la presenza di alternanza tra momenti di gruppo e momenti di colloquio formativo (variamente definiti come tutoring, mentoring, coaching, counseling). Purtroppo questo non è sufficiente per chiarire come verranno gestiste le sessioni individuali. Cosa verrà trattato e, soprattutto, a che livello? L’approccio olistico è quello che rivendica la declinazione “in base al soggetto” ma questo non ci dovrebbe esimere dal progettare in maniere puntuale.

Livelli del colloquio formativo

Un’approccio olistico alla progettazione richiede comunque attenzione ai diversi livelli di discorso che possono essere sviluppati.

Per un formatore riconoscere i diversi livelli è strategico per una corretta e rispettosa creazione della relazione formativa.

Ecco una possibile segmentazione che potrebbe tornarci utile per rispondere alla domanda “verso quale livello di colloquio voglio orientare l’intervento?”:

LivelloFocus
EmozionaleGli stati psicofisiologici quali sentimenti, affetti ed emozioni
EsperienzialeInclude la consapevolezza degli eventi e la classificazione delle esperienze
NormativoSi concentra sulle dimensioni sociali, considerando norme, valori, sistemi di credenze collettive ed aspettative sociali
RazionaleOrientato alla creazione di mindset cognitivi, attributivi di valore
NarrativoMette in rilievo l’importanza del racconto del vissuto individuale, creatore di significati e di potenziali condivisioni sociali
EsistenzialeRiferito all’area epistemologica, intesa come la relazione con la dimensione del senso sovraindividuale

Approcci nella conduzione del colloquio formativo

Il colloquio formativo è uno scambio di parole che supera il piacere della conversazione per affrontare temi con rilevanza sia comportamentale, sia emotiva.

La progettazione del colloquio è stata in molti casi collegata a metodologie specifiche (a.e. il counseling o il consulting). In realtà il colloquio formativo è caratterizzato da una elevata plasticità: partendo da uno scopo canonico (l’apprendimento) si tratta di declinare le azioni in base alle caratteristiche del formando (personalità, bisogni e motivazioni) e del contesto istituzionale di riferimento (ossia in base al ruolo ed alle caratteristiche dell’azienda).

Per questo possono poi emergere tendenze verso diversi approcci.

Ecco una possibile comparazione sintetica:

ApproccioDirettivoSemidirettivoNon direttivo
Riferimento teoricoComportamentistaPsicosocialeUmanistico
FocusIl presente, con un atteggiamento fiducioso nel cambiamentoLa persona, inserita in un contesto di relazioni e vincoliI processi emozionali, lasciando di sfondo il contesto
ObiettivoFornire e raccogliere indicazioni e informazioniSollecitare la cooperazioneFornire uno spazio di riflessione e consapevolezza
ConduzioneDomande su come agire in una logica di causalità lineareDomande circolari, mirate a cogliere differenze e mutazioni nelle narrazioni.Atteggiamento empatico, mirato all’accoglienza ed al sostegno emotivo
Stile del formatoreTendenzialmente direttivo, attento agli obiettivi informativi da raggiungere. Disponibile a fornire feed back operativiAttivo, con precisa conduzione delle fasi di comunicazione, disponibile a fornire feed back sia operativi, sia emotiviAttivo, senza desiderio di influenzamento diretto, disponibile a fornire feed back sul piano emotivo

 

Questa comparazione ha lo scopo di aiutare il formatore a comprendere quale impostazione ha definito come opportuna per uno specifico setting di apprendimento. È necessario comunque mantenere un buon livello di flessibilità, anche al fine di poter progettare cicli di colloqui che alternino le diverse modalità di approccio.


Leggi il primo articolo dedicato al tema “Il Colloquio Formativo: definizione

Altri focus sullo stesso tema

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti